Distretti e zone di Londra

Distretti e zone di Londra

Londra è formata da 33 distretti: 32 Boroughs e la City. Qui vi parleremo dei più importanti.

Whitehall e Westminster

La zona è stata, per più di mille anni, il centro del potere politico e spitituale dell'Inghilterra. Offre, pertanto, un grande patrimonio culturale e artistico, che invece scarseggia in altre zone della città. Le sue vie sono attraversate ogni giorno da un numero elevato di lavoratori, poichè qui si trovano vari uffici amministrativi. Nel nord, Trafalgar Square segna l’inizio di West End, il quartiere con un’interessante vita notturna.

È imperdibile la visita al Big Ben, all’Abbazia di Westminster, al Palazzo del Parlamento e alla Cattedrale di Westminster.

Piccadilly e St James's

È l’arteria principale di West End. Nel XVIII secolo era circondata da residenze reali ed era il quartiere preferito dai cortigiani per gli acquisti. Mayfair, al nord, è la zona più elegante di Londra. Piccadilly Circus segna l’inizio di Soho.

Soho e Trafalgar Square

Creato alla fine del XVII secolo, nei suoi primi cento anni fu la zona più elegante di Londra. Artisti e intellettuali frequentavano i suoi pub e club informali. Oggi è la zona più liberale e multiculturale della città. Qui si trova Chinatown, il suo quartiere cinese.

Covent Garden e Strand

È una delle zone più vitali di Londra. Gli elementi di maggior attrazione turistica sono i suoi bar all’aperto, gli artisti di strada, i negozi di lusso e i mercati. Nel centro di Covent Garden si innalza la sua piazza progettata nel 1630 da Inigo Jones.

A Covent Garden non perdetevi la piazza e il mercato!

Bloomsbury e Fitzrovia

In questa zona vivono artisti e scrittori. Qui si trovano numerose librerie. A Bloomsbury ci sono, inoltre, l’Università di Londra, il British Museum e varie piazze georgiane.

Non lasciatevi scappare l’occasione di vedere il British Museum e la Russel Square!

Holborn e Inns of Court

È un quartiere frequentato da avvocati e giornalisti. È la Londra giuridica! Nella zona ci sono la Royal Courts of Justice e la Inns of Court (collegio di avvocati). Lincoln’s Inn è un luogo colmo di storia. Conserva degli edifici del XV secolo e molti sopravvissuti al grande incendio del 1666. In passato fu una zona di grande importanza per il commercio locale.

The City

Anche se il suo nome completo è “The City of London”, si conosce come “The City”. È il distretto finanziario di Londra, sede della Borsa dei Valori e della Banca d’Inghilterra, con un’intensa attività durante tutto il giorno.

Occupa la zona dell’insediamento romano. Dopo il grande incendio del 1666, che distrusse la maggior parte della City originaria, Christopher Wren diresse la ricostruzione di 52 chiese.

Nel XIX secolo nella City viveva molta gente, mentre oggi ha ormai perso la sua connotazione di zona residenziale. Nella City troviamo uno stile architettonico eclettico, contraddistinto dall’amalgama urbanistica di strutture moderne (uffici o banche) con edifici in stile vittoriano.

I principali punti d'interesse della zona sono la Cattedrale di San Paolo, la Torre di Londra e la Tower Bridge.

Smithfield e Spitalfields

È una delle zone più antiche di Londra. Situata a nord di City, fu un’area di rifugio per coloro che non erano ben accolti in quella zona. Nel XVII secolo gli Ugonotti e altri immigranti d’Europa e del Bengala si stabilirono, costruendo successivamente fabbriche e introducendo nel territorio la propria gastronomia e religione. 

Qui si trova una delle chiese più antiche della capitale, alcuni reperti giacobini, resti della muraglia romana e l’unico mercato d'alimentazione all’ingrosso del centro della città.

Southwark e Bankside

Dal Medioevo al XVIII secolo, Southwark fu una zona più che popolare, soprattutto perché era esclusa dalla giurisdizione di City, dove erano proibiti molti divertimenti. Southwark costituiva un’ottima scappatoia per gli amanti dell’ozio e dell’intrattenimento. Nel Globe Theatre –successivamente ricostruito nei pressi della sua ubicazione originaria – si trovava la compagnia di Shakespeare. Fra il XVIII e il XIX secolo, in quest’area si costruirono pontili, magazzini e fattorie. Attualmente è uno dei quartieri più vitali di Londra.

South Bank

Questa zona fu danneggiata dai bombardamenti della II Guerra Mondiale. Nel 1951 fu scelta come sede del Festival di Gran Bretagna per il centenario della Grande Esposizione. L’unico edificio del 1951 attualmente esistente è il Royal Festival Hall.

A South Bank troverete London Eye, la famosa sede notarile di Londra.

Chelsea

Ai tempi dei Tudor un piccolo paese situato in prossimità delle rive del fiume, Chelsea, divenne una località di moda. Enrique VIII vi fece costruire un palazzo, oggi scomparso. Thomas Moore visse qui. Molti artisti furono attratti dalle viste panoramiche del fiume che si potevano contemplare da Cheyne Walk. Nel XVIII secolo i suoi giardini erano pieni di affascinanti cortigiane e, durante un secolo, il Chelsea Arts Club organizzava dei balli scandalosi. Nel XIX era popolata da artisti e intellettuali. Oggigiorno è una zona molto cara che molti artisti non possono permettersi. Mantiene comunque la sua connessione con il mondo artistico grazie alle sue gallerie d’arte e ai negozi d’antiquariato presenti nella zona.

South Kensington e Knightsbridge

Queste zone sono fra le più eleganti di Londra e accolgono numerose ambasciate e vari consolati. Grazie alla vicinanza con il Palazzo di Kensington, quest’area riuscì a conservare il suo aspetto originario. A Knightsbridge risiede per lo più gente benestante e pertanto qui si trovano soltanto negozi lussuosi. È un quartiere importante a livello culturale per la presenza di rinomati musei e centri universitari.

Si trovano qui alcune delle visite più importanti di Londra: il Palazzo di Kensington, la Royal Albert Hall, l’Albert Memorial, il Victoria and Albert Museum, il Museo di Storia Naturale, il Museo della Scienza e Hyde Park.

Kensington e Holland Park

Fino al 1830 l’area era costituita da un piccolo paesino rurale con mercati e mansioni. È celebre la sua Holland House, le cui terre attualmente costituiscono Holland Park. La maggior parte dei suoi edifici furono costruiti nel XIX secolo con magnifiche sale vittoriane, di cui soltanto due si possono visitare. I lati ovest e nord di Kensington Gardens costituiscono un’area residenziale lussuosa dove si trovano varie ambasciate. I suoi negozi sono cari quasi come quelli di Knightsbridge.

La strada principale, Queensway, è un luogo d’incontro per la presenza di club e bar. Fra i principali punti d’interesse della zona vi segnaliamo il Mercato di Portobello, Nothing Hill e Holland Park.  

Regent's Park e Marylebone

Marylebone, antico paesino medievale a sud di Regent's Park, conserva il maggior numero di mansioni georgiane della capitale. Fino al VIII secolo era circondata da campi e giardini. Nel XIX secolo la zona fu occupata principalmente da medici e, perciò, oggigiorno conserva la sua tradizione medica e la sua rinomata eleganza.

Greenwich e Blackheath

Greenwich è nota per essere la zona dove si trova il punto zero del meridiano.

Questo quartiere ospita il Museo Marittimo Nazionale.

All’epoca dei Tudor si innalzò un palazzo reale, di cui attualmente rimane solo la Queen’s House costruita da Inigo Jones per la sposa di Giacomo I. A Greenwich ci sono vari musei, librerie, antiquari, mercati e un parco.